Fare business in Russia

La Russia è un paese enorme di oltre 17 milioni di km. Di fatto, in estensione, è il paese più grande del mondo.
La Russia ha una popolazione di ca. 144 milioni di abitanti e Mosca (la capitale) ha il maggior numero di ricchi.
La cosa interessante è che la Russia ha il settimo mercato interno mondiale e il primo in Europa.

La Russia ha aderito all’Organizzazione mondiale del commercio nel 2012. Gradualmente si stanno riducendo le barriere commerciali e il commercio semplificando. Nel suo interno ha istituito 28 “zone economiche speciali” (e ne sono in creazione altre 2), per incoraggiare gli investimenti da parte di società straniere. (Le Zone di tipo industriale-produttivo sono 4: Lipetsk, Alabuga, Togliatti e la recentissima «Valle del Titanio», nel Sverdlovsk. – Le Zone Tecnico-Scientifiche Federali sono 4 : Zelenograd , Dubna, San Pietroburgo e Tomsk.)

L’obiettivo è fornire agevolazioni fiscali, barriere amministrative ridotte, infrastrutture per lo sviluppo del business e accesso alle risorse di personale qualificato.
La Russia fornisce il regime fiscale più attraente tra i paesi BRIC (le imposte sul reddito, sia aziendali che personali, sono le più basse).
I produttori russi in molti settori cercano partnership con aziende straniere per migliorare la qualità locale.

La Russia ha enormi esigenze infrastrutturali in numerosi settori, il che la rende un mercato di esportazione molto interessante.
Forti saranno le opportunità nell’energia, innovazione, tecnologia.

I settori principali dell’export italiano verso la Russia sono Meccanica, Chimica e Farmaceutica, Sistema Moda, Agroalimentare e bevande, Sistema casa (edilizia /arredamento). Last but not least è il settore ecommerce. In Russia nel 2019 il valore del mercato e-commerce è stato di ca. 0 miliardi di euro. L’85% della popolazione russa utilizza internet.

Naturalmente non è tutto oro quello che luccica. I prodotti Made in Italy sono l’espressione massima di stile, qualità, eleganza e gusto. Questo è un punto di forza ma parallelamente i prezzi finali sono elevati per le possibilità del ceto medio russo rispetto a prodotti concorrenti che arrivano dall’Asia. Inoltre I prezzi italiani di alcuni prodotti sono ancora vittima dell’embargo e quindi con prezzi maggiorati.

Per fare business in Russia bisogna affidarsi ad esperti in quanto la conoscenza della lingua russa è indispensabile. La comunicazione online e offline delle aziende per essere efficace nel mercato russo deve essere innanzitutto in lingua russa, non essendo la lingua inglese particolarmente diffusa e compresa.

Per entrare nel mercato russo occorre al contempo farsi assistere da consulenti esperti e conoscitori degli adempimenti burocratici necessari ( come per esempio ottenere certificazioni per la tutela della salute, sulla conformità dei prodotti, attestazioni di uniformità ecc. )

Se ci si affida ad esperti la Russia è senz’altro uno dei mercati interessanti per aprire un business.

mosca
moscow

Tag: temporary export manager, come vendere in Russia, Fare business in Russia, traduzioni russo italiano, traduzioni italiano russo, interpretariato russo, ecommerce in Russia.